Le novità editoriali di fine estate!

Pensavate davvero che la scorta di libri fatta quest’estate potesse essere sufficiente o fare da scudo alle tentazioni delle nuove uscite editoriali? Sbagliato! Da oggi in poi in libreria sarà possibile trovare delle novità a cui sarà impossibile resistere! Guardiamole insieme…

 

Wilbur Smith, Grido di guerra

download (3).jpg

Una storia di spionaggio e passione sullo sfondo dell’Europa dilaniata dal secondo conflitto mondiale e della sublime bellezza dei paesaggi africani. Con Grido di guerra il grande scrittore d’avventura Wilbur Smith torna al ciclo dei Courteney d’Africa. Cresciuta nel Kenya coloniale degli anni ’20 sotto l’occhio attento del padre, Leon, imprenditore di successo oltre che famoso veterano della Grande guerra, Saffron Cour­teney ha avuto un’infanzia idillica, finché un evento drammatico l’ha costretta a maturare molto, forse troppo in fretta. È ormai una giovane donna testarda e indipendente quando il destino dà una nuova svolta inaspettata alla sua vita… L’uomo che ama disperatamente, per il quale ha rischiato uno scandalo e perso gli amici più cari, porta il nome di Gerhard von Meerbach, il cui fratello è un magnate della nascente industria automobilistica tedesca nonché membro attivo del partito nazista (In libreria da oggi, 27 agosto 2018)

 

Silvia Zucca, Il cielo dopo di noi

download (2).jpg

Da Silvia Zucca, l’autrice della Guida astrologica per cuori infranti, arriva Il cielo dopo di noi, un romanzo che racconta la fragilità della vita e la forza dei legami familiari.
Milano, 1944. È l’alba. Finalmente il cielo è libero e silenzioso, ma i bombardamenti hanno ridotto la città a un cumulo di macerie. Gemma deve andarsene, deve proteggere suo figlio Alberto. Lo zio Giacinto abita in campagna. Lì, lei e Alberto saranno al sicuro, lontani dai tedeschi, lontani dalla guerra. Milano, oggi. Miranda guarda il cielo come se quella cupola grigia e triste possa darle le risposte che cerca. Perché suo padre è scomparso? Perché non ha lasciato nemmeno un biglietto? E se fosse successo qualcosa? Forse il gesto del padre non è che l’ultimo passo di un distacco avvenuto tanto tempo prima, eppure Miranda non può lasciarlo andare così. Allora ne segue le fragili tracce e arriva a Sant’Egidio dei Gelsi, dove il padre e la nonna si erano trasferiti nel 1944. E, sotto il cielo idilliaco della campagna piemontese, raccoglierà i frammenti di una storia solo apparentemente dimenticata; la storia di un ragazzino senza padre, costretto a crescere troppo in fretta, e di una donna obbligata a prendere una decisione terribile. (In libreria dal 30 agosto 2018)

 

Marc Augé, Cuori allo schermo

download (1).jpg

La solitudine vertiginosa dell’homo cyber chiede una rivoluzione che rimetta al centro non l’individuo, ma la persona, non il consumo, ma la creatività. Marc Augé li chiama da sempre nonluoghi, riscontrando in essi un deficit di identità, di relazioni e di storia: sono le stazioni, i porti, i luoghi di confine, i treni e gli aerei. Sono luoghi di passaggio dove gli individui sono costretti a transitare per vari motivi, ma in cui non sono obbligati a tessere rapporti interpersonali. Per il filosofo francese, tuttavia, oggi il mondo intero è diventato un nonluogo, e ce lo spiega nel suo saggio Cuori allo schermo. Di fronte agli schermi di tablet, cellulari e computer il tempo planetario viene percepito in accelerazione e, allo stesso tempo, ridotto a un puro presente che ci condanna all’ostentazione superficiale e all’oblio immediato. In questo presente segnato dalla velocità e dal potere dell’immagine, l’ordine sequenziale delle nostre esistenze risulta frammentato, trasmettendo la sensazione di disorientamento del viaggiatore d’affari, che passa da un albergo all’altro sentendo che la vita vera scorre altrove. Oggi il web ci dà l’illusione di partecipare in prima persona al dibattito pubblico e di mostrarci agli altri per come siamo, in realtà ci trasforma da esseri fatti di corpo, reciprocità e parole in fantasmi digitali. Ma non dobbiamo accontentarci di essere un apatico sguardo sul mondo in immagini: quello sguardo, da passivo che era, deve farsi attivo, diventando amicizia, fraternità, responsabilità e, forse, anche profezia. (In libreria dal 28 agosto 2018)

 

Luke Alnutt, Il cielo è tutto nostro

_il-cielo-tutto-nostro-1531518625

Rob Coates ha tutto ciò che avrebbe potuto desiderare: Anna, una moglie fantastica, la loro bella casa a Londra e, soprattutto, suo figlio Jack, che rende ogni giorno una straordinaria avventura. Ma tutto cambia quando una terribile malattia irrompe nelle loro vite. Ritrovatosi improvvisamente solo, Rob si abbandona a una spirale di disperazione e alcolismo, anche se nei momenti di lucidità cerca conforto fotografando i grattacieli e le scogliere che aveva visto con Jack. Ed è proprio da quelle foto che si dipana un filo di speranza, seguendo il quale Rob intraprende un viaggio straordinario all’interno di se stesso, alla ricerca del perdono e di un nuovo inizio. Il cielo è tutto nostro è una storia di amore e sofferenza, ma soprattutto una storia piena di vita che entrerà nel cuore dei lettori che hanno affrontato gli ostacoli dell’esistenza. Un esordio travolgente e una testimonianza indimenticabile sul potere della speranza. (In libreria dal 30 agosto 2018)

 

Jhumpa Lahiri, Dove mi trovo

_dove-mi-trovo-1531167314.jpg

Sgomento ed esuberanza, radicamento ed estraneità: i temi di Jhumpa Lahiri in questo libro raggiungono un vertice. La donna al centro della storia oscilla tra immobilità e movimento, tra la ricerca di identificazione con un luogo e il rifiuto, allo stesso tempo, di creare legami permanenti. La città in cui abita, e che la incanta, è lo sfondo vivo delle sue giornate, quasi un interlocutore privilegiato: i marciapiedi intorno a casa, i giardini, i ponti, le piazze, le strade, i negozi, i bar, la piscina che la accoglie e le stazioni che ogni tanto la portano più lontano, a trovare la madre, immersa in una solitudine senza rimedio dopo la morte precoce del padre. E poi ci sono i colleghi di lavoro in mezzo ai quali non riesce ad ambientarsi, le amiche, gli amici, e «lui», un’ombra che la conforta e la turba. Fino al momento del passaggio. Nell’arco di un anno e nel susseguirsi delle stagioni, la donna arriverà a un «risveglio», in un giorno di mare e di sole pieno che le farà sentire con forza il calore della vita, del sangue. (In libreria dal 31 agosto 2018)

 

Il 30 agosto è proprio una bella data per andare in libreria, io personalmente l’attendo da un po’… Il nuovo romanzo di Silvia Zucca mi incuriosisce, sarà che amo il suo modo di scrivere, sarà che il vero Scrittore non fa un copia e incolla di una storia che in passato ha venduto tante copie, ma consiglio a tutti questo tipo di lettura. Ho cercato qua e là delle citazioni tratte dal libro, delle recensioni scritte da chi ha avuto la fortuna di leggerlo in anteprima e adesso sono ancora più impaziente di prima!

Voi cosa comprerete? Ignorate la pila di libri da leggere, noi lettori non abbiamo mai abbastanza libri!

 

Manu

2 Comments

  1. “Ignorate la pila di libri da leggere, noi lettori non abbiamo mai abbastanza libri!”… Quanto hai ragione su questo! Io non so che libro comprerò la prossima volta che passerò in libreria, di solito non faccio troppi programmi da prima, ma sono certa che ci sarà qualcosa in grado di affascinarmi e che vorrò acquistarla 🙂

    1. Io ho appena ricevuto in regalo il mio primo kindle, sono così emozionata! Ho scoperto che non sempre è così comodo portarsi dietro dei libri, soprattutto se sono voluminosi 🙂
      In libreria ci sono stata e ne sono uscita con cinque libri, se ne compro ancora credo che verrò cacciata insieme a loro 😂😂😂😂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...