“Che cosa occorre fare per superare se stessi e riconquistare la libertà?”: L’erede della luce, di Luca Rossi.

Ho fatto la mia personale corsa contro il tempo per finire di leggere il secondo libro di una saga che mi sta appassionando davvero tanto: I rami del tempo di Luca Rossi.

Ho messo da parte la mia razionalità, il mio cinismo, il mio pregiudizio e ho iniziato a leggere di mondi in lotta tra loro, di telepatia, distruzioni di massa, il tutto accompagnato da una frenetica ricerca del Potere, quello che riesce a dominare ogni energia, a contenere ogni influenza esterna. Questo secondo libro L’erede della luce mi ha coinvolto molto più del primo, come tutti i libri di transizione di una trilogia, è quello che fa da trait d’union tra lo sviluppo primordiale di una storia e la sua lenta ed inesorabile conclusione.

51vHM9cXVeL.jpg

Vi riporto un estratto della trama:

Dopo essere tornata indietro nel tempo per salvare l’isola di Turios e ricucire il tessuto temporale, Lil, in fin di vita, viene curata nell’antico villaggio dei suoi avi, la cui ribellione scatena la pesante rappresaglia dell’esercito reale. Rimasta sola e separata dalla sacerdotessa Miril, sua guida e compagna, si trova di fronte a una scelta impossibile: rinunciare alla propria vita e a quella di tutti gli abitanti del suo mondo salvando i rivoltosi o assistere impassibile al loro sterminio.

Intanto Miril è tenuta prigioniera nel Palazzo Reale dei nemici, dove tutti i suoi poteri sono inefficaci contro una magia ben più antica e potente della sua, e dove, per riguadagnarsi la libertà, dovrà superare una serie di prove mortali nelle quali il pericolo maggiore è rappresentato da se stessa.

Nel futuro, la bellissima regicida Milia attende mestamente la sua esecuzione nel regno stravolto dai cambiamenti della regina Aleia, capace in poco tempo di ridare lustro e importanza al trono e conquistare il popolo. La nuova Isk, però, è minacciata dagli sconvolgimenti messi in moto dal mago Aldin, tanto da costringere la sovrana a guidare una pericolosa spedizione nel passato.

Le modifiche temporali scatenano tuttavia degli effetti sempre diversi, portando Lil a spingersi ben oltre il limite nell’utilizzo dei suoi poteri magici, al punto da abusarne e attirare persino l’attenzione di chi detiene il potere assoluto sull’evoluzione dei pianeti. Nel nucleo centrale del governo della Federazione dei Mondi, il Presidente Molov non perde tempo a decretare la più grave delle punizioni per chi si è reso colpevole dell’uso di un potere che si credeva scomparso da millenni.

Le descrizioni dei luoghi, la ritmicità degli eventi, le relazioni tra i personaggi sopravvissuti rendono tutto reale agli occhi del lettore: è possibile viaggiare con Lil e Miril, vedere gli effetti della telepatia su chi la subisce, guardare rifiorire il regno di Isk grazie alla regina Aleia. E’ tutto davanti ai miei occhi come se lo avessi appena vissuto!

La potenza delle donne è il vero cuore di questo romanzo: sono loro che viaggiano nel tempo per salvare il loro mondo, usano i loro poteri per leggere nella mente, sono loro che rischiano la propria vita in nome di qualcosa di molto più grande. Ma poi questa grandezza che si cerca, cos’è? Il potere? La giustizia? La speranza in un mondo migliore?

Lil e Miril abuseranno dei viaggi nel tempo, al punto tale che i rami del tempo subiranno variazioni tali che niente tornerà più come prima:

Benché profondamente piccato il mago rispose: “Maestà, le scritture fanno riferimento ai rami del tempo. Sostengono che sia possibile viaggiare indietro nelle epoche e che quando si effettua una modifica su un ramo, a quel punto ne nasce uno nuovo. Su quello vecchio, però scorre sempre meno linfa e gli esseri viventi iniziano a sparire finché, nel momento in cui il ramo si secca del tutto, l’intera realtà scompare.

A questo punto non posso fare altro che completare la trilogia, gli eventi hanno preso una piega che non mi sarei mai aspettata. La mia curiosità è alle stelle, mi chiedo come faranno a continuare a vivere Lil, Miril, Aleia, sapendo che tutti coloro che hanno amato non sono mai esistiti…

Manu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...