…alla fine ritorno sempre da Diego: Mancarsi.

Ho poche certezze nella mia vita, una di queste è rifugiarmi nelle parole di Diego De Silva, soprattutto quando le “giornate no” si ripetono senza fine. Le parole sono terapeutiche, la lettura di un buon libro lo è ancor di più… Ecco perché ritorno sempre da Diego, perché sa curarmi, sa farmi sorridere senza forzature, sa farmi ritornare un minimo di fiducia nel genere umano. Ieri ho iniziato a leggere Mancarsi, l’ho appena finito e mi sento un po’ più “sciolta”, la matassa si sta un po’ sbrogliando…

9788806215262_0_0_749_75.jpg

Vi riporto un estratto della trama:

La perfetta storia d’amore tra un uomo e una donna che sembrano destinati a non incontrarsi mai.

Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d’amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull’amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l’assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo – e di seguirli – senza fare domande. Irene vuole essere felice, e quando il suo matrimonio inizia a zoppicare se ne va. Nicola è solo, confusamente addolorato dalla morte di una donna che aveva smesso di amare da tempo. Anche lui, come Irene, è mosso da un’assoluta urgenza di felicità. Anche lui vuole un amore e sa esattamente come vuole che sia fatto. Sarebbero destinati a una grande storia, se solo s’incontrassero una volta nel bistrot che frequentano entrambi. Ma il caso vuole che ogni volta che Nicola arriva, Irene sia appena andata via. Se le vite di Nicola e Irene non s’incontrano fino alla fine, le loro teste invece s’incontrano furiosamente nelle pagine di questo libro: i pensieri, le derive, il sentire – quell’impasto inconfondibile di toni alti e bassi, riflessivi e comici – si richiamano di continuo, sono ponti gettati verso il nulla o verso l’altro. Forse, verso l’attimo imprevisto in cui la felicità finalmente abbocca: perché se lo lasci passare, quell’attimo, te ne vai con la curiosa ma lucida impressione d’esserti appena giocato la vita.”

Questo libro gioca tanto sul destino, sulla fatalità, su quanto sia impossibile sfuggire a ciò che è tenuto in serbo per noi. Nicola e Irene frequentano lo stesso bistrot in momenti diversi della giornata: vedovo lui, divorziata e disincantata lei, sentiranno di essere travolti l’un l’altra da un semplice sguardo. Due vite possono intrecciarsi, soprattutto a nostra insaputa, il tempo ama giocare a volte con la vita delle persone. Mancarsi offre un’analisi psicologica dell’animo umano, della paura dei legami, della paura ancora più forte di sciogliere un legame per non affrontarne le conseguenze. Mi sono ritrovata di nuovo un libro completamente sottolineato, ho aggiunto le mie note, altre frasi le porto semplicemente con me… insieme al mio Diego.

Magari in quei lampi della memoria la persona con cui abbiamo scelto di passare parte della nostra vita non era nemmeno così bella come sappiamo può essere, eppure è lì che ne conserviamo l’essenza, perché è stato allora che l’abbiamo vista così inaspettatamente smascherata a se stessa, è in quell’istante che tutto è avvenuto.

 

Non che lui le mancasse. Forse però le era mancata di più la sua vita. E adesso che l’aveva ritrovata, se la stava riprendendo.

 

L’unico lusso che si permetteva era lasciare che il tempo andasse per conto suo, senza stargli continuamente addosso.

 

Dovremmo concederci tutti questo lusso… Voi cosa leggete per sentirvi meglio?

Manu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...