La casa degli spiriti, di Isabel Allende.

La mia giornata finalmente può dirsi conclusa, ho rimandato ad oggi forse troppe cose che avrei potuto sbrigare con molta più calma… Ad esempio, avrei potuto avere le idee più chiare, ma mi rendo conto che è pura utopia per me, e di conseguenza sapere cosa portare con me in Puglia. Dopo ben cinque anni, trascorrerò il mio primo compleanno a casa mia, il Natale, e resterò per un periodo superiore a due settimane. Credo che si stia avvicinando la fine del mondo, non avrei potuto volere nulla di più. 

Porto con me un solo libro cartaceo, il mio Kindle, e una lista di libri da spuntare nelle varie librerie che mi ritroverò a visitare. Ancora continuo a fissare i miei scaffali, e credo che un solo libro cartaceo sia sufficiente. Nella peggiore delle ipotesi, dovrò affrontare la situazione!

Oggi volevo completare la trilogia de La figlia della fortuna di Isabel Allende  con il terzo e ultimo libro, forse anche il più famoso di tutti: La casa degli spiriti. 

Vi riporto la trama:

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell’ambito della narrativa sudamericana, soltanto “Cent’anni di solitudine” di García Márquez.

Con questo romanzo si chiude una delle saghe familiari più interessanti, dove tutto ciò che viene raccontato passa dagli occhi delle donne più stravaganti e forti della famiglia del Valle. Il personaggio di Clara, dotata di poteri paranormali e chiaroveggenza, è indimenticabile: la sua fragilità, curiosità, ma sopratutto la sua gentilezza saranno il motore trainante di tutto il romanzo. Io stessa ho adorato Clara, al punto tale da voler guardare la versione cinematografica in cui viene interpretata da Meryl Streep. 

Il matrimonio di Clara non è dei più felici, suo marito è fortemente classista al punto da influenzare ogni scelta di vita sia di Clara che della loro bambina. Lo spaccato storico offerto da La casa degli spiriti è quello del colpo di Stato Cileno, sempre raccontato dagli occhi di una donna che vi partecipa attivamente… ma non vi rivelerò di chi si tratta.

Potrei parlare per ore, forse anche per giorni, di questo romanzo ma preferisco fermarmi qui. Voi lo avete letto? Cosa ne pensate del film?

Manu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...